Dispositivi Emergenzamatic. Come funzionano?

ITALIANOTutte le volte che si verifica una mancanza di energia (black-out) o un guasto elettrico al quadro di manovra, il dispositivo Emergenzamatic rileva la mancanza di tensione ed interviene automaticamente in pochi attimi prendendo i comandi dell’ascensore.
Verifica l’efficienza delle sicurezze e utilizzando la sua sezione elettronica e le batterie ermetiche di cui è provvisto dà un’alimentazione ausiliaria ai circuiti in panne consentendo il movimento del motore, sposta la cabina fino al piano più facile a velocità ridotta (circa 1/10 di quella normale) ed apre le porte.
Durante l’operazione di emergenza i passeggeri dell’ascensore rilevano l’entrata in funzione del dispositivo da una targa che si illumina automaticamente e visualizza un messaggio di avviso, e devono solamente attendere pochi secondi – senza fare alcuna manovra - per essere liberati.
A richiesta, la targa di segnalazione può essere munita anche di messaggi vocali pre-registrati che informano i passeggeri fornendo loro la massima tranquillità durante l’operazione di emergenza.
Alla fine dell’intervento, il dispositivo di disinserisce automaticamente, restituisce tutti i comandi all’ascensore e ritorna nello stato iniziale di stand-by.
Oltre ai modelli standard con scelta automatica della direzione di marcia più favorevole, si possono installare apparecchiature speciali che eseguono l’evacuazione di emergenza a un piano imposto dall’installatore o interventi in caso di particolari allarmi (es. presenza di incendi) con riporto della cabina a piani alternativi.
Queste apparecchiature sono particolarmente consigliate ed utilizzate negli edifici con grande affluenza di pubblico (uffici, ospedali, metropolitane, aeroporti, etc..).

Area riservata